Ricerca libera
110% RECUPERO SUPER BONUS

Recupero del superbonus 110%

il contribuente che effettua la spesa ha 4 possibilità di recupero del bonus fiscale:

    • detrazione in quinti dall’Irpef (per le spese non previste nel D.L., in 10 anni);
    • compensazione orizzontale con altre imposte e contributi (per esempio l’Imu);
    • richiesta dello sconto fattura;
    • CESSIONE DEL CREDITO nei confronti di chiunque.

 

La valutazione di convenienza:

  • la quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno non può esserlo negli anni successivi.
  • L’opzione per il trasferimento del beneficio fiscale si applica per le spese sostenute nel 2020 e 2021, quindi retroagisce rispetto alla detrazione del 110% che parte dal 1.07.2020.

 

Le modalità di CESSIONE DEL CREDITO sono a oggi regolate dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 31.07.2019, ma ne arriverà un altro per le nuove procedure.

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

25-6-2020
PAGAMENTI ELETTRONICI E LIMITE CONTANTE

Pagamenti elettronici: dal 1° luglio

al via il credito d'imposta sulle spese e commissioni.

Il beneficio consiste in un credito d'imposta nella misura del 30% dei costi addebitati per i pagamenti effettuati tramite carte di credito, di debito o prepagate.

Il credito d'imposta in oggetto, da utilizzare esclusivamente in compensazione, a decorrere dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa, è riconosciuto per le commissioni dovute dalle imprese e dai lavoratori autonomi in relazione alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi rese nei confronti di consumatori finali con decorrenza dal 1° luglio prossimo.

Rientrano nella definizione di «commissione», si legge inoltre nel citato provvedimento, anche i costi applicati sul transatto e/o i costi fissi che ricomprendono un numero variabile di operazioni in franchigia anche se includono il canone di locazione per la fornitura del servizio di accettazione.

Sempre a partire dal 1° luglio 2020, salvo proroghe, il nuovo limite di pagamento in contanti scende a 2.000 euro.

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

23-6-2020
Istruzioni per il bonus vacanze, ammessa la cessione

Cittadini

Sarà necessario scaricare l’app “IO” (qui il link per la pagina dedicata al bonus vacanze) e, nel caso in cui tutti i controlli eseguiti diano esito positivo, sarà emesso un QR Code nell’area riservata dell’Agenzia, spendibile nelle strutture alberghiere.

Il richiedente (o un altro componente del suo nucleo familiare) potrà recuperare il bonus in 2 modi:

  • come sconto, entro il 31 dicembre 2020, in una struttura situata sul territorio nazionale che aderisce all’iniziativa;
  • in detrazione, con la dichiarazione dei redditi che sarà presentata nel 2021.

Strutture alberghiere

Le strutture alberghiere, a loro volta, dovranno collegarsi all’area riservata dell’Agenzia, inserire il QR Code del cliente e attendere la conferma, prima di poterlo utilizzare come sconto. E' opportuno comunicare ai clienti che la struttura aderisce all'iniziativa.

La struttura alberghiera può recuperare lo sconto effettuato in 2 modi:

    • sotto forma di credito d’imposta, dal giorno lavorativo successivo alla conferma dello sconto, in compensazione nel modello F24 senza limiti di importo;
    • cessione del credito d'imposta a terzi anche diversi dai propri fornitori, compresi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari. La cessione dovrà essere comunicata all’Agenzia delle Entrate attraverso una procedura web dedicata, accedendo alla propria area riservata del sito web delle Entrate.

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

18-6-2020
CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO

Invio dell’istanza per il contributo a fondo perduto dal 15 giugno

Ieri, in tarda serata, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato l’atteso provvedimento con modello e istruzioni per la richiesta del contributo a fondo perduto previsto.

Trasmissione non oltre il 13 agosto.

Il provv. conferma che la trasmissione è effettuata mediante i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate ovvero mediante il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi”. 

Operativamente:

  • Ad avvenuta trasmissione verrà rilasciata una prima ricevuta (rinvenibile nell’area riservata AdE o nella sezione “Consultazione degli invii effettuati” se l'invio avviene tramite la piattaforma Fatture e Corrispettivi), che attesterà la presa in carico o il respingimento dell'istanza per problematiche di acquisizione dei dati (es. soggetto richiedente non presente in anagrafe tributaria)
  • Entro 7 giorni lavorativi sarà rilasciata una seconda ricevuta, relativa all’accoglimento ai fini del pagamento (o diniego del pagamento stesso, con precisazione delle relative motivazioni).

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

11-6-2020
BONUS CANONE

CANONE NON ABITATIVO

Attività industriali, commerciali, artigianali, agricole potranno riavere il 60% degli affitti mensili sotto forma di credito di imposta.

  • Codice tributo 6920

Il credito d'imposta per il canone di locazione degli immobili non ad uso abitativo è pari al 60%, mentre per le imprese con contratti di affitto d’azienda è del 30%.

  • Canone

Il periodo di riferimento sono i mesi da marzo a maggio 2020; chi non ha pagato, non può ottenere benefici. Concorrono anche le spese condominiali, a patto che siano riportate nel contratto di affitto;

  • Limiti di reddito

diritto al credito: ricavi o compensi non superiori a € 5 milioni rispetto al 2019.

  • Attività alberghiere

i mesi da prendere a riferimento sono dei canoni da aprile a giugno.

  • Calo di fatturato

I soggetti esercenti attività economica devono certificare una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50% rispetto all’anno precedente.

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

10-6-2020
PROFESSIONISTI - BONUS APRILE

PROFESSIONISTI iscritti agli ordini

Bonus 600 euro di aprile 

decreto interministeriale Lavoro-Economia

indennità Covid-19 di 600 euro per il mese di aprile 2020, riguardante i professionisti iscritti agli ordini.

NOVITA’ si segnala il venir meno della condizione relativa all’iscrizione esclusiva ad una sola cassa previdenziale. Confermata l’incompatibilità per i soggetti che percepiscono la pensione o un altro reddito da lavoro dipendente a tempo indeterminato.

I soggetti che hanno già percepito l’indennità nel mese di marzo non dovranno presentare una nuova richiesta, automatico il Bonus

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

5-6-2020